NEWS

L’Italia e il Portogallo uniti per la sicurezza dei propri turisti

Turismo Sicuro

Un accordo per il rafforzamento degli standard di sicurezza per i propri cittadini che visitano l’altro Paese. Questo l’obiettivo della stretta di mano tra Italia e Portogallo, nell’ambito del progetto internazionale Turismo sicuro.

Proteggere i turisti

L’accordo, siglato il 9 maggio scorso a Lisbona tra il prefetto Vittorio Rizzi, vice capo della Polizia italiana, e il tenente Luís Francisco Botelho, comandante generale della Guarda Nacional Republicana portoghese, consiste in un’importante collaborazione tra le forze dell’ordine italiane e portoghesi, con la quale si punta ad innalzare gli standard di sicurezza per i rispettivi cittadini in visita nell’altro Paese. Questo anche tramite l’impiego, nei principali luoghi turistici, di “pattuglie miste”, formate cioé da personale delle forze dell’ordine dei due Paesi. Il patto di “scambio” non è un caso, vista la grande mole di turisti italiani che tradizionalmente visitano il Portogallo, e viceversa.

Turismo Sicuro - Vittorio Rizzi

Il vice direttore generale della Pubblica Sicurezza italiana Vittorio Rizzi. Fonte: PrimaDaNoi

Pattuglie miste

Quest’estate dunque personale appartenente alla Polizia di Stato e all’Arma dei Carabinieri si sposterà in Portogallo, mentre membri della Guardia Nazionale Repubblicana arriveranno in Italia. I servizi di pattugliamento congiunto si svolgeranno soprattutto nei mesi di luglio e agosto nelle località con maggiori attrattive turistiche: in Portogallo nella capitale Lisbona, ma anche a Fátima, Loulè e Albufeira; in italia a Roma, Firenze e Venezia.

Turisti a Lisbona

Turisti in visita alla Torre di Belém di Lisbona. Foto: Álvaro Isidoro/Global Imagens

Vittorio Rizzi ha espresso grande soddisfazione per l’accordo. Con esso, i nostri concittadini potranno sentirsi più al sicuro. Ancora vividi infatti, sono i ricordi degli ultimi efferati attentati terroristici, soprattutto in Francia ed in Belgio. Una maggiore collaborazione a livello di intelligence e un servizio di pattugliamento “bilingue” potrà rendere più agevole l’assistenza ai turisti dei rispettivi Paesi, contribuendo a rendere il generale sistema di sicurezza europeo « sempre più efficace e pronto di fronte alle mutevoli minacce criminali ». Una maggiore sicurezza avrà un risvolto sicuramente positivo anche per quel che concerne l’aumento del turismo nei due Paesi, traducendosi in beneficio economico per le rispettive attività turistiche.

Luigi Bove

Autore: Luigi Bove

Amante della scrittura, dell’arte, del calcio e della vita. Filosofo mancato, sportivo mancato, studioso..mai stato. Mi piace scoprire i vari aspetti del mondo, restando sempre legato alla mia città, Caserta.

L’Italia e il Portogallo uniti per la sicurezza dei propri turisti ultima modifica: 2019-05-15T05:21:20-04:00 da Luigi Bove

Commenti

To Top